Chi sono

Me, the bookbinder

 

Ciao sono Antonella
Ho acquisito la mia formazione di Restauratore presso la scuola di Restauro e conservazione di Beni cartacei a Palazzo Spinelli a Firenze. Ho scoperto di aver trovato nell’arte del restauro, tutto cio’ che avevo amato durante la mia vita : i libri, in primis, una necessaria e precisa capacita manuale , la storia dell’arte, il latino, le immagini e le stampe preziose, insostituibili fonti storiche ricche di aneddoti e cultura, la bellezza, l’armonia e il rigore, scientifico, dell’arte della legatoria.
Nei primi anni dopo la scuola , ho frequentato il laboratorio di Restauro di beni cartacei alla Certosa del Galluzzo di Firenze, lavorando su importanti restauri insieme al Maestro Restauratore Padre Sisto Giacomini, partecipando “a bottega” come si usa fare a Firenze fin dal rinascimento , quando i giovani apprendisti imparavano il mestiere dai maestri artisti più anziani, per tre anni il laboratorio..
Negli anni successivi ho affinato la mia preparazione con corsi di alta formazione sulle tecniche di restauro, tecniche di doratura, legatoria artistica al Centro del Bel Libro di Ascona (CH) con maestri rilegatori affermati come Edwin Heim.
Instancabile e curiosa ricercatrice dell’armonia, della bellezza e del design ho intrapreso poi percorsi di formazione complementari che spaziano tra le tecniche più svariate, dall’incisione lineolografica, calligrafia, cartotecnica, ricamo su carta e stoffa, alla piegatura e decorazione della carta, sempre con il fine di realizzare oggetti dal fascino contemporaneo nati da una sapienza antica.
Eccomi quindi arrivata nel 1999, professionalmente pronta per aprire il mio laboratorio.

Ma mi serviva un nome per la mia attivita’… un nome che avesse un significato, che rappresentasse la mia vita e delineasse il mio stile. Ero la mamma felice di due bellissimi bambini e mi sentivo piena di passione ed entusiasmo per la mia vita. Sarebbe stato il nome del mio laboratorio! Ho fatto un piccolo gioco con mio figlio, allora lui aveva 4 anni, abbiamo cercato insieme delle parole che ci piacessero, che ci fossero familiari…in quel momento abbiamo visto davanti a noi trotterellare i nostri due bassotti.. ci siamo guardati e siamo scoppiati e ridere.. ecco trovato il nome : Lizzi e Margherita cosi si chiamavano i due cuccioli !